Ue rifletterà su modifiche regole di bilancio, focus su debito, investimenti green Da Reuters

da Redazione



© Reuters. Diverse bandiere Ue davanti alla Commissione europea a Bruxelles. REUTERS/Yves Herman

BRUXELLES (Reuters) – I ministri delle Finanze dell’Unione europea inizieranno a discutere venerdì di come cambiare le regole di bilancio per affrontare l’enorme aumento del debito pubblico durante la pandemia di coronavirus e come incoraggiare la spesa necessaria a fermare il cambiamento climatico.

Le opzioni includono l’esenzione degli investimenti “green” dal calcolo dei limiti del deficit e del debito, e lo stop temporaneo delle regole esistenti che impongono di tagliare il debito ogni anno, mostrano i documenti preparati per i colloqui dai ministri.

“La sfida nei prossimi anni sarà quella di consolidare i deficit mentre si aumentano gli investimenti green per raggiungere gli ambiziosi obiettivi della Ue per tagliare le emissioni, o qualsiasi altro tipo investimento”, si legge in una nota preparata dalla Slovenia che ospiterà l’incontro.

La Slovenia detiene attualmente la presidenza semestrale di turno della Ue e presiederà i colloqui.

Un’analisi commissionata dai ministri al think-tank Bruegel ha mostrato che gli investimenti pubblici aggiuntivi per raggiungere gli obiettivi climatici Ue dovranno essere pari allo 0,5%-1,0% del Pil all’anno durante il decennio in corso e ciò potrebbe richiedere flessibilità nelle regole.

“Ci sono sostanziali esigenze di investimento che saranno molto difficili da raggiungere con l’attuale impostazione fiscale”, si legge nel documento di Bruegel. “I passati episodi di consolidamento hanno portato a grandi tagli agli investimenti pubblici, mentre ora c’è bisogno di un importante aumento degli investimenti”.

“Una ‘golden rule green’ (escludendo gli investimenti green netti dagli indicatori fiscali usati per misurare il rispetto delle regole fiscali) è l’opzione più promettente per affrontare questa tensione”, prosegue.

Le regole di bilancio Ue, create nel 1977 e cambiate tre volte da allora, stabiliscono dei limiti all’indebitamento dei governi per proteggere il valore della moneta unica. Le regole vigenti richiedono ai Paesi Ue di portare il debito al di sotto del 60% del Pil e i deficit annuali al di sotto del 3% del Pil, per non andare incontro a multe.

Le regole di bilancio sono state sospese nel 2020 per dare più spazio ai governi nella risposta alla pandemia, ma dovrebbero essere ripristinate nel 2023. Alcune modifiche potrebbero essere introdotte prima di allora per adattarle alle nuove sfide che l’Europa si trova ad affrontare.

Le discussioni sulle modifiche delle regole potrebbero rivelarsi difficili e durare fino a gran parte del 2022, considerata la bassa fiducia tra i paesi del Nord Europa, più frugali, e quello che percepiscono come un Sud più dissoluto, soprattutto dopo la crisi del debito sovrano del 2010-2015.

(Tradotto da Agnese Stracquadanio in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Fonte

0 commento
0

You may also like

Lascia un Commento