Tim, via libera cda FiberCop ad accordo su aree bianche con Open Fiber -fonti Da Reuters

da Redazione



© Reuters. Il logo di Telecom Italia su uno smartphone. REUTERS/Dado Ruvic

MILANO (Reuters) -Il cda di FiberCop, controllata di Telecom Italia (BIT:) (Tim), ha dato via libera all’accordo commerciale sulle aree bianche con Open Fiber, con l’ok del fondo statutunitense Kkr che detiene il 37,5% di FiberCop, l’ultimo miglio della rete dell’ex monopolista. Lo hanno detto diverse fonti vicine alla situazione. I termini dell’accordo, in base al quale Tim metterà a disposizione di Open Fiber l’infrastruttura di FiberCop – pali e cavidotti – per completare la cablatura in fibra delle aree a fallmento di mercato – sono stati leggermente rivisti a seguito dei rilievi del fondo, con il canone per il diritto d’uso salito a poco oltre 200 milioni, secondo una delle fonti. L’accordo commerciale inoltre prevede l’impegno di TIM a mettere a disposizione dei propri clienti retail la fibra ottica di Open Fiber nelle aree bianche, consentendo l’attivazione sulla rete fiber-to-the-home Open Fiber di almeno 500mila clienti che ne facciano richiesta, spiegano le fonti. Secondo quanto riferito dalle fonti, è stato inoltre concordato che i vantaggi che saranno acquisiti da Open Fiber in forza dell’accordo commerciale nelle aree bianche non saranno inseriti nel calcolo del valore degli asset della cosiddetta rete unica che dovrebbe nascere dall’integrazione dagli asset di rete fissa di Tim (tra cui FiberCop) con quelli di Open Fiber. Tim e Cdp, che possiede il 10% dell’ex monopolista e il 60% di Open Fiber, hanno avviato un negoziato il mese scorso per arrivare a definire un accordo preliminare su tale operazione, che – stando quanto riferito da una delle fonti – potrebbe essere definito già a metà della prossima settimana.

(Elvira Pollina, editing Stefano Bernabei)



Fonte

0 commento
0

You may also like

Lascia un Commento