La ministra Calderone vuole cambiare l’alternanza scuola-lavoro: oggi troppi rischi. Anief plaude: lo diciamo dal 2015

da Redazione


(Teleborsa) – “Bisogna rivedere il sistema di alternanza scuola-lavoro formando i giovani sulla sicurezza del lavoro, perché non è più tollerabile assistere alla morte di giovani studenti in formazione. La formazione sui banchi di scuola è fondamentale”: lo ha detto oggi pomeriggio, in apertura del tavolo con le parti sociali, Marina Elvira Calderone, nuovo Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell’indicare le priorità del programma di azione per la legislatura.

Anief ha apprezzato le dichiarazioni del ministro del Lavoro. “Anief sostiene questo dall’approvazione della Legge 107/15, la Buona Scuola, che ha aumentato a dismisura stage ed esperienze degli studenti in azienda, senza assicurare un incentivo altrettanto importante sul fronte della sicurezza e per evitare incidente sul lavoro. Su questo tema, dopo aver incontrato anche ieri il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, siamo pronti al confronto, per realizzare una revisione profonda del Pcto, perché vogliamo una scuola giusta ma anche più sicura”.

Oggi Marcello Pacifico, quale segretario confederale, ha fatto parte della delegazione della Confederazione rappresentativa Cisal rappresentata dal segretario generale Francesco Cavallaro, per parlare delle priorità sul lavoro in Italia. Per l’occasione, Anief fa il punto per elencare le priorità sulla scuola, certamente sulla sicurezza: la revisione delle norme sull’alternanza scuola lavoro; la ricostruzione degli edifici a rischio sismico; la ventilazione meccanica nelle aule scolastiche; il riconoscimento del burnout tra i dipendenti della scuola.

Altri punti che necessita una revisione del Rapporto di Lavoro: la lotta contro la precarietà e la stabilizzazione degli organici con la parità di trattamento giuridica ed economica tra personale a tempo determinato e indeterminato; la definizione di regole chiare contrattuali come ad esempio il diritto alla disconnessione e alla tutela della salute nel lavoro a distanza; la fissazione di un salario minimo nel pubblico impiego ancorato all’inflazione insieme a un salario minimo nel rispetto della direttiva comunitaria.

Infine, a proposito delle pensioni, il giovane sindacato chiede una finestra specifica per il personale scolastico; il riscatto gratuito degli anni di formazione universitaria; il riconoscimento della fragilità anche per l’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado.





Fonte

0 commento
0

You may also like

Lascia un Commento