futures USA in calo; attesa dati sull’inflazione Da Benzinga Italia

da Redazione



Pre-market: futures USA in calo; attesa dati sull’inflazione

Movimenti in pre-apertura
Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi erano in ribasso dopo aver raggiunto nuovi massimi record nella sessione precedente. Gli investitori sono in attesa dei risultati degli utili da Performance Food Group Company (NYSE:PFGC), The Walt Disney Company (NYSE:) e Perrigo Company plc (NYSE:PRGO).

L’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti per il mese di ottobre verrà pubblicato alle ore 8:30 ET; per il periodo considerato, si prevede una crescita dei prezzi al consumo dello 0,5% mensile, dopo il +0,4% registrato a settembre. I dati sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione negli USA per la scorsa settimana saranno resi noti alle 8:30 ET; i dati sugli inventari all’ingrosso per settembre verranno pubblicati alle 10:00 ET. Il report di bilancio del Dipartimento del Tesoro USA per ottobre sarà diffuso alle 14:00 ET.

I futures sull’indice erano in calo di 69 punti, attestandosi a 36.140, quelli sull’S&P 500 cedevano 8 punti a quota 4.670,25 e i futures sul perdevano 21,25 punti, a 16.191,50.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 47.536.530 contagi e circa 778.310 vittime; intanto l’India ha registrato un totale di almeno 34.386.780 casi di COVID-19, mentre il Brasile ne ha confermati oltre 21.897.020.

Prezzi del petrolio contrastati, coi future sul in aumento dello 0,1% a 84,79 dollari al barile; i future sul registrano invece un calo dello 0,5% a 83,75 dollari al barile. Il report settimanale dell’Energy Information Administration (EIA) sulle scorte di petrolio degli Stati Uniti verrà diffuso alle ore 10:30 ET; il report settimanale dell’EIA sulle scorte di gas naturale degli USA in stoccaggio sotterraneo sarà pubblicato alle 12:00 ET.

Uno sguardo ai mercati globali
Oggi i mercati europei hanno aperto contrastati: l’indice spagnolo saliva dello 0,1%, lo STOXX Europe 600 cedeva lo 0,1%, l’indice francese arretrava dello 0,4%, il di Londra era in rialzo dello 0,4% e il tedesco faceva segnare -0,3%. A settembre la produzione industriale in Italia è cresciuta dello 0,1% rispetto al mese precedente. Ad ottobre il tasso di inflazione annuo in Germania è salito al 4,5%, registrando il livello più alto dall’agosto del 1993.

I listini asiatici hanno terminato gli scambi perlopiù in territorio negativo: l’indice giapponese ha perso lo 0,61%, l’ di Hong Kong ha guadagnato lo 0,74%, il cinese ha ceduto lo 0,41%, l’indice australiano S&P/ASX 200 è arretrato dello 0,1% e l’indiano BSE Sensex ha fatto segnare -0,2%. Nel mese di ottobre le vendite auto in Cina sono diminuite del 9,4% su base annua a 2,33 milioni di unità; sempre ad ottobre, i prezzi alla produzione nel Paese sono cresciuti del 13,5% su base annua e il tasso di inflazione annuale è salito bruscamente all’1,5% dallo 0,7% del mese precedente. A settembre l’indice del Westpac-Melbourne Institute sulla fiducia dei consumatori in Australia ha registrato un aumento dello 0,6% a quota 105,3. A novembre l’indice Reuters Tankan sul sentiment dei produttori in Giappone è sceso a 13.

Raccomandazioni degli analisti
Gli analisti di D.A. Davidson hanno mantenuto sul titolo Inter Parfums, Inc. (NASDAQ:IPAR) la valutazione Buy e hanno aumentato il target price da 100 a 113 dollari.

Martedì le azioni di Inter Parfums sono salite dello 0,1% chiudendo a 94,18 dollari.

Ultime notizie

  • Coinbase (NASDAQ:) Global, Inc. (NASDAQ:COIN) ha registrato ricavi sottotono per il terzo trimestre; dato il contesto più debole per le criptovalute durante il terzo trimestre, nel periodo considerato i volumi globali di spot trading sulle cripto sono diminuiti del 37% rispetto al secondo trimestre, secondo Coinbase.
  • Rivian Automotive Inc, produttore di veicoli elettrici sostenuto da Amazon.com Inc (NASDAQ:NASDAQ:) e Ford Motor Co (NYSE:F), martedì ha fissato il prezzo delle azioni per la sua attesissima offerta pubblica iniziale a 78 dollari – ben al di sopra delle sue precedenti aspettative – raccogliendo 11,93 miliardi di dollari, come mostrano i documenti normativi.
  • Wynn Resorts, Limited (NASDAQ:WYNN) ha riportato una perdita del terzo trimestre più ridotta del previsto; inoltre, la società ha dichiarato che il suo amministratore delegato, Matt Maddox, lascerà l’azienda il 31 gennaio.
  • Nio Inc (NYSE:NIO) cercherà di aumentare il suo margine lordo al 25% nei prossimi anni, come dichiarato martedì dai dirigenti della società agli analisti durante una chiamata post-utili.

Leggi l’articolo anche in Benzinga Italia





Fonte

0 commento
0

You may also like

Lascia un Commento